Telefono: +39 039 2323272 - Mail: admin@poolmilano.it

Liceo Classico Giuseppe Mazzini Città Metropolitana di Genova.

Descrizione del progetto

Riqualificazione e Restauro del Liceo Classico Giuseppe Mazzini della Città Metropolitana di Genova

luogo
Città Metropolitana di Genova – Italia

prestazioni
Direzione Lavori, Contabilità, Coordinamento delle Sicurezza in fase di esecuzione

realizzate da
Poolmilano S.r.l.

cronologia
2018 in corso

committente
Città Metropolitana di Genova

Scheda PDF – LICEO CLASSICO G. MAZZINI – Città Metropolitana di Genova

importo opere complessivo
€ 993.558,20

Il progetto (finanziato nell’ambito del Bando Periferie della Città Metropolitana di Genova) prevede una serie di interventi di valorizzazione e restauro dei locali a servizio del Liceo Classico “G. Mazzini”, comprese le opere di adeguamento alla normativa antincendio e sistemazione delle aree esterne. L’immobile possiede una fortissima valenza storica. È la Villa Centurione Doria di Genova Pegli; oltre ad ospitare il liceo, è anche la sede del Museo Navale di Genova Pegli. Essa è costituita da tre piani fuori terra e presenta due corpi anteriori laterali coperti a terrazza che appartengono ad epoche successive rispetto al periodo di realizzazione dell’immobile (prima metà del ‘500). Grazie alla presenza di tale ricchezza artistica, il Liceo Classico “Mazzini” fa ormai parte della storica circoscrizione di Pegli della quale rappresenta una delle istituzioni più antiche a cui la popolazione è particolarmente legata. Allo stato attuale, tuttavia, nonostante la valenza storica dell’edificio, sia le aree pubbliche esterne che la struttura museale risultano scarsamente attrattive e pertanto poco frequentate da visitatori, con conseguenti manifestazioni di degrado. La presenza dell’edificio scolastico offre quindi una grande opportunità di valorizzazione dell’intero stabile, in quanto costituisce il principale elemento attrattivo dell’area, anche in sinergia con la struttura museale con la quale la scuola sviluppa spesso iniziative formative e culturali congiunte. I locali sono caratterizzati da una ricca decorazione ad affreschi realizzati per lo più nel XVI secolo. Ciò giustifica la volontà del progetto di recuperare il valore storico/artistico delle volte esistenti mediante demolizione di tutte le superfetazioni postume presenti all’interno della scuola. Data la presenza di notevoli superfici affrescate e dato il vincolo storico/artistico dell’immobile, l’adeguamento alla normativa antincendio va intesa in termini di adozione di misure di sicurezza alternative, quali adeguamento delle via di esodo, realizzazione di filtri a prova di fumo o compartimentazioni dei locali. L’attività scolastica occupa una porzione di tre piani e gli spazi sono collegati verticalmente da una scala interna posta ad est. Gli interventi di adeguamento effettuati dalla Provincia di Genova nel 1999 relativamente alle vie di fuga, illuminazione di emergenza e compartimentazione, hanno consentito la realizzazione di una ulteriore scala di sicurezza a servizio del piano secondo, posta in posizione centrale rispetto al complesso immobiliare. Gli interventi edili-architettonici oggetto del presente appalto si riferiscono ai locali adibiti ad uso scolastico e consistono, per il piano terra in: demolizione dei bagni esistenti a ovest; recupero visivo delle volte affrescate esistenti; rifacimento dell’intonaco e della tinteggiatura in alcuni locali adibiti ad aule; realizzazione di un nuovo blocco bagni nel locale segreteria e di un annesso locale vetrato per il presidio; rifacimento dei bagni posti a est ,vicino l’attuale segreteria; sostituzione del rivestimento in linoleum di tre aule. Per il piano primo invece gli interventi prevedono: ristrutturazione e ampliamento dei bagni posti a ovest; ristrutturazione dei bagni posti a est; realizzazione di un filtro a prova di fumo e di un luogo sicuro dinamico connessi tra loro, posizionati in posizione baricentrica al complesso immobiliare e direttamente collegati all’uscita di sicurezza esterna. Particolarmente significativi all’interno del progetto sono le opere di restauro effettuate al piano terra e secondo nonché ai prospetti dell’edificio, che prevedono: restauro intonaci, affrescati o meno, intaccati da fessurazioni e distacchi; restauro porte interne d’epoca in legno massello; sostituzione dei due lucernai posti nel corridoio centrale del secondo piano con altrettanti evacuatori di fumo; pulizia delle facciate dai graffiti; restauro inferiate; restauro finestre compresa posa pellicole di sicurezza per vetri e restauro scuri d’epoca in legno. Infine, l’intervento della riqualificazione delle aree esterne agisce principalmente sui giardini comunali retrostanti la villa. Il progetto prevede la rimozione delle attuali pavimentazioni impermeabili in asfalto o in piastrelle cementizie e la successiva posa di pavimentazioni permeabili e drenanti. L’area è provvista di un palco sopraelevato su terrapieno, oggi desueto e in degrado, che verrà sostituito dalla struttura di un nuovo palco gradonato in calcestruzzo armato e finiture esterne lignee. Il palco conterrà all’interno la nuova riserva idrica antincendio per alimentare l’impianto da realizzarsi all’interno dell’edificio.

Torna sopra