Telefono: +39 039 2323272 - Mail: admin@poolmilano.it

Attività di Brachiterapia presso la Fondazione IRCCS “Istituto Nazionale dei Tumori”.

Descrizione del progetto

Predisposizione locali per lo spostamento attività di Brachiterapia presso la Fondazione IRCCS “Istituto Nazionale dei Tumori”

luogo
Milano – Italia

prestazioni
Progettazione Definitiva, Esecutiva, Direzione Lavori, Contabilità, Coordinamento della Sicurezza in fase di progettazione ed in fase di esecuzione

realizzate da
Poolmilano S.r.l.

cronologia
2018 in corso

committente
Fondazione IRCCS – Istituto Nazionale dei Tumori – Milano

Scheda PDF – BRACHITERAPIA Istituto Nazionale dei Tumori – Milano

importo opere complessivo
€ 96.473,53

Il progetto prevede la ricollocazione dell’attuale servizio di radioterapia “Brachiterapia”, attualmente al piano secondo interrato del Blocco “A”, in un’area adiacente situata al medesimo piano. L’esigenza dell’IRCCS “Istituto Nazionale dei Tumori” Milano è costituita dal riutilizzo del bunker oggetto di intervento, adeguandolo alle norme funzionali e di sicurezza richieste per la particolarità del servizio svolto, oltre alla contestuale esecuzione di lavori per adeguare l’impiantistica a servizio dell’attività svolta.  La funzione dell’intervento è di adeguare il bunker, all’interno dell’area individuata, con finiture ed impiantistica adatta ad assolvere le funzioni sanitarie tipiche di un Reparto di Radioterapia di ultima generazione.  L’ingresso principale del bunker rimane il medesimo e vi si accede dal corridoio di distribuzione del dipartimento. I locali e gli spazi dello stesso dipartimento non hanno subito modificazioni per l’accreditamento sanitario che è correlato alla tipologia ed al volume delle attuali prestazioni erogate. Si precisa che l’intervento non ha alterato i volumi del fabbricato, in quanto si tratta di una manutenzione straordinaria al volume esistente senza modificazione delle funzioni sanitarie.  All’interno della pavimentazione del locale sono state rilevate tracce della presenza di collante in vinilamianto. Di conseguenza, per la rimozione del collante asbestoso, sono state effettuate specifiche procedure di bonifica, sia per la superficie a contatto con il pavimento che per quella del massetto. Le opere effettuate riguardano principalmente la riqualificazione degli spazi, livellamenti, pavimentazioni, rivestimenti, finiture ed accessori da realizzarsi “ex novo”, a seguito delle demolizioni, perforazioni e bonifiche previste, con metodologie prevalentemente a secco ed ancoraggi su pareti e solai esistenti. Il progetto prevede l’installazione di contropareti interne in cartongesso su struttura metallica e nuovi controsoffitti in fibra minerale per alloggiare le canalizzazioni, le tubazioni e le passerelle porta cavi. È stato necessario prevedere un ribassamento dell’altezza del locale interno per poter porre in opera i terminali per l’impianto di riscaldamento e di climatizzazione. Il pavimento, dopo l’attuazione della bonifica, è stato sostituito con una pavimentazione in pvc, specifica per locali ad uso sanitario.

Torna sopra